Il sito italiano sugli squali




Gli squali fossili

Squalicorax

WHITLEY 1939
Squali corvo
Cretaceo Inferiore -- Superiore
Ordine Famiglia
Lamniformi BERG 1958 Anacoracidae CASIER 1947

Se un particolare dente dovesse essere scelto come indice fossile per il Cretaceo Superiore del Nord America, lo squalo corvo, Squalicorax, dovrebbe essere il candidato ideale. Questi denti sono allo stesso tempo abbondanti e facilmente identificabili perfino se danneggiati o levigati dall'acqua.  Nonostante siano cosi' comuni e presenti in tutto il mondo, i loro ritrovamenti fossili sono limitati a denti e vertebre centrali. Appartengono alla famiglia Anacoracidae, ma non c'e' accordo unanime sull'ordine a cui debbano essere ascritti.
Cappetta (1987) fornisce le sue motivazioni per la scelta dell'ordine dei Lamniformi, che sembrano ben fondate.

Le specie primarie degli Usa orientali sono Squalicorax kaupi (AGASSIZ 1843) e Squalicorax pristodontus (AGASSIZ 1843). Esposizioni del mare interno del Cretaceo contengono comunemente Squalicorax falcatus (AGASSIZ 1843). Welton e Farish (1993) includono queste tre specie piu' una quarta, Squalicorax curvatus (WILLISTON 1900), nei rinvenimenti del Texas. Una quinta specie, Squalicorax bassanii (GEMMELLARO 1920), nota dal Nord America e Middle East, e' stata anche trovata in Nord Carolina.
 
Fig. 1 - Squalicorax kaupi laterali (cetro) 12 x 13.5 mm
anteriori (sinisatr & destra) 14.5 x 12.5 mm
Gruppo del Black Creek, North Carolina


In generale, la morfologia funzionale del design della dentizione di Squalicorax e' molto simile a quella di Galeocerdo, tuttavia i denti possono essere simili a quelli superiori di Carcharhinus e Sphyrna.
Il design piu' primitivo e' quello di  Squalicorax falcatus. Le radici sono chiaramente bilobate, la corona e' simile a quella degli squali martello, strettamente triangolare con bordi convessi e distinte spalle distali.  Il margine tagliente e' leggermente seghettato. I denti di Squalicorax kaupi mostrano una cuspide piu' allargata, seghettatura piu' robusta, corona piu' larga e un'incisione che separa le spalle dalla cuspide tipo quella dello squalo tigre.
Il design piu' evoluto  e' quello mostrato da Squalicorax pristodontus. In questa specie, il disegno bilobato della radice per lo piu' perso e la radice stessa presenta una compressione labio-linguale. La cuspide e' piu' larga, le spalle debolmente differenziate e le seghettature piu' forti, un aspetto simile ai denti di squalo toro (Carcharhinus leucas) e squalo bruno (Carcharhinus obscurus).
 
Fig. 2 - Squalicorax pristiodontus
Peedee Formation, North Carolina
26 x 25 mm


Le immagini da me viste di denti di Squalicorax bassanii li mostrano simili al dente anteriore di Squalicorax kaupi, con una forte incisione mediana e spalle. Il dente anteriore della figura 1 mostra queste caratteristiche, ma con una corta spalla mediana. Anche i denti di  Squalicorax kaupi con la loro incisione mediana sono rinvenuti nel Cretaceo del New Jersey.

Le immagini seguenti (Fig. 3 & 4) sono di una tipologia di dente degli Usa Orientali, considerata come Squalicorax bassani, e sono simili per forma e dimensioni a quelli di Squalicorax kaupi. Mikael Siverson, riesaminando queste immagini, ha notato che:

.. occasionalmente si prende l'incisione mediana dell'anteriore come S. kaupi (dal quale, molto probabilmente, deriva S. bassanii). I veri denti di S. bassanii hanno la tacca mediana IN COMBINATIONE con una marcata escrescenza dello spessore labio-linguale del dente."

e riferendo su questi esemplari del Nord Carolina,

"Sospetto fortemente ... che appartengano ad altri anacoracidi dall'aspetto simile, piu' strettamente correlati con S. yangaensis (DARTEVILLE & CASIER, 1943). Nel vero S. bassanii la cuspide e il collo sono piu' larghi e il bordo basale della radice e' meno ornato."

Fig. 3 - Squalicorax ?bassanii
Nord Carolina
dente maggiore 15.0 x 12.0 mm
Fig. 4 - Squalicorax ?bassanii
Greenmill Run, NC 19 x 18.5 mm
Dalla collezione di Gary Grimsley




I gessi delle Smoky Hill del Kansas conservano i denti di una discreta verieta' di specie anacoracidi, e nonostante siano attualmetnte allo studio da parte di Mikael Siverson, sono possibili alcune osservazioni.

I denti di Squalicorax falcatus sono di taglia medio piccola, e tendono ad aumentare dal basso verso l'alto nei giacimenti delle Smoky Hill. Generalmente hanno forma triangolare nella visione laterale, con la corona degli anteriori stretta ed eretta. I denti laterali e posteriori hanno corone piu' basse inclinate distalmente. L'angolo della cuspide va da acuto ad ottuso, i margini taglienti sono finemente seghettati. La radice ha una lunghezza intermedia ed e' bilobata, senza solco nutrizionale.
 
Fig. 5 - Squalicorax cf falcatus
Carlile Shale, Sud Dakota
Fig. 6 - Squalicorax cf falcatus
Smoky Hill Chalk, Formazione Niobrara, Kansas


I denti di Squalicorax kaupi sono rinvenuti soltanto nel quarto superiore dei giacimenti delle Smoky Hill (primo Campaniano). Questi denti sono generalmente piu' grandi di quelli di Squalicorax falcatus, e possono raggiungere e superare i 2 cm di altezza. Possiedono una corona alta con un margine tagliente mediano convesso e molto turgido. Il bordo distale del dente e' quasi verticale. Le seghettature sono di norma piu' grossolane rispetto a quelle trovate nei denti di Squalicorax falcatus e possono essere composte (piccole seghettature all'interno di una piu' grande). La radice e' grande, bilobata, e senza solco nutrizionale.
 
Fig. 7 - Squalicorax kaupi - Palato superiore destro
Sternberg Museum di Storia Naturale - FHSU VP 2213
Smoky Hill Chalk (primo Campaniano), KS
Scala: incremento 0.5 CM


Denti di specie paleoanacoracidi sono state rinvenute nel terzo inferiore (tardo Coniaciano) dei depositi delle Smoky Hill. Questi denti sono caratterizzati da domensioni piccole (10mm o meno di altezza), con corone basse e radici piatte. Proporzionalmente, la loro lunghezza e' sempre maggiore della loro altezza. Una caratteristicha che distingue questi denti da quelli di individui piccoli di Squalicorax, e' la cuspide distale liscia ed arrotondata.

© 1999-2013 www.squali.com di Antonio Nonnis